Collegare un gruppo Facebook alla propria Pagina: a cosa serve?

Da qualche tempo Facebook ha dato la possibilità di creare un gruppo a partire dalla propria Pagina o semplicemente aggiungere la Pagina tra gli amministratori di un Gruppo. Come mai è stata data questa possibilità agli utenti e quali sono i vantaggi che ne derivano?

————

Facciamo un passo indietro per spiegare uno dei concetti fondamentali su cui si basa la comunicazione e il marketing su Facebook, ma in generale su ogni social network.

Che tu gestisca una Pagina Facebook di intrattenimento, di informazione o una pagina aziendale per scopi di marketing, il primo obiettivo è quello di creare una community intorno a un brand, un prodotto, un interesse comune.

I Gruppi Facebook rispondono a questa esigenza in maniera sicuramente più efficace rispetto alle Pagine e già da tempo sono nati gruppi relativi a determinati brand e prodotti.

Gli amministratori di pagine erano però spesso costretti a creare profili fake per gestire ed amministrare questo tipo di Gruppi. Solitamente il proprietario di un’azienda non si occupa direttamente dei social, e per questo affida la comunicazione a varie figure — interne o esterne — che per questioni di opportunità non sempre possono metterci “la faccia”.

Oggi finalmente Facebook permette di utilizzare la Pagina come ulteriore amministratore di un Gruppo, in modo che le risorse delegate alla gestione social possano utilizzare il brand come profilo per interagire con i membri della community, riuniti sotto un unico nome.

A cosa serve un Gruppo Facebook legato a una Pagina?

Anche con i Gruppi Facebook è possibile fare attività di marketing e comunicazione sui social, sia in ambito B2C (consumatori finali, appassionati) sia in ambito B2B (punti vendita, rete commerciale).

Per esempio, possiamo creare il Gruppo Facebook della rete vendita della nostra azienda, includendo in esso tutti i proprietari di negozi che vendono i nostri prodotti, gli agenti, i distributori e, attraverso l’account della pagina, tutte le figure che in azienda possono interagire con essi.

In questo modo possiamo fare attività di promozione, customer care, e – perché no? – sfruttare il Gruppo come canale di vendita diretto dei nostri prodotti ai negozianti.

Se invece gestiamo una Pagina legata ad un interesse comune, di intrattenimento o di informazione, l’utilizzo del Gruppo Facebook è utile per raccogliere segnalazioni, notizie, curiosità da parte di utenti “fidati e fidelizzati”, che si sentiranno così partecipi e coinvolti nella produzione dei contenuti della Pagina ufficiale.

E se cercate un tool che vi aiuti nella gestione congiunta di Gruppi e Pagine vi ricordo che PostPickr ha integrato a tempo di record questa novità, permettendo di programmare e pubblicare i post sui Gruppi anche come Pagine! Qui trovate tutte le informazioni per sfruttare a pieno questa nuova e utile funzionalità.

 

Andrea Termini – Nerd da quando i Nerd non erano di moda. Profondo conoscitore dei social media e pioniere nell’utilizzo di Facebook come strumento di marketing, presto si rende conto che la sua capacità di sintesi può tornargli utile nel mondo della comunicazione online. I suoi peggior nemici sono coloro che condividono i post senza leggerli e le fashion blogger da campioncino.